AID Italia - La risposta alle tue domande sulla dislessia

Presentato della vicepresidente del Senato Anna Rossomando

AID supporta l’emendamento sulle tutele per i candidati con DSA nei concorsi pubblici

AID supporta l’emendamento sulle tutele per i candidati con DSA nei concorsi pubblici

L’Associazione italiana dislessia dà il pieno sostegno all’emendamento al Decreto Legge 104 del 14 agosto 2020, presentato nei giorni scorsi dalla vicepresidente del Senato Anna Rossomando, e si augura vivamente che venga approvato entro breve dal Parlamento.

L’emendamento all’articolo 26 prevede che nei concorsi pubblici nazionali, regionali e comunali sia concesso, ai candidati con DSA dotati di opportuna certificazione, l'utilizzo degli strumenti compensativi adatti a ciascuno e sia permesso di sostenere un colloquio orale invece di un esame scritto. L’emendamento prevede altresì che vengano garantiti, ai lavoratori con DSA del pubblico impiego, tutti gli strumenti utili a svolgere al meglio il proprio lavoro, permettendo loro di esprimere appieno la propria professionalità.

Queste due tutele sono già presenti nella proposta di legge destinata al mondo degli adulti con DSA presentata dalla stessa senatrice Rossomando il 25 luglio 2018 (Disegno di legge n. 712) e assegnata alla 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale) in sede redigente, per la cui approvazione AID si batte da diversi anni.

Si calcola che ogni anno 12 mila adulti con DSA si affaccino al mondo del lavoro, al momento senza alcuna forma di tutela, al contrario di quanto avviene nei Paesi anglosassoni. I dislessici hanno enormi potenzialità che spesso, per ostacoli dovuti al disturbo, non riescono ad emergere. Per questo talvolta svolgono impieghi o mansioni al di sotto delle proprie capacità.

Queste difficoltà tra l’altro rischiano di essere accentuate in un periodo delicato e complesso come l’emergenza sanitaria dovuta al Covid, per cui è particolarmente importante che le nuove norme entrino in vigore al più presto.

L’Associazione Italiana dislessia, al fine della piena realizzazione di ciascun individuo, chiede che le persone con DSA, circa due milioni in Italia tra bambini, ragazzi e adulti (il 3,5 per cento della popolazione), possano avere pari diritti e opportunità.

Per questo, accanto all'approvazione dell'emendamento, auspica anche una rapida approvazione della proposta di legge che, oltre al tema dei concorsi pubblici, affronta il problema della discriminazione nei posti di lavoro, prevede l’uso degli strumenti negli esami per l’accesso agli Ordini professionali, per i test di ingresso dell’università e per l’esame teorico della patente.

Si tratta di conquiste altrettanto importanti della legge 170/2010, per i diritti degli studenti con DSA in ambito scolastico, che il prossimo 8 ottobre festeggia i 10 anni di vita. 

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, continua con la lettura. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. AUTORIZZO.